Strage di Bologna e caso Moro: la versione di Carlos lo Sciacallo

Carlos lo SciacalloLa strage di Bologna? Giusva Fioravanti e Francesca Mambro sono “dei coglioni” che non c’entrano niente. La responsabilità è dei servizi segreti militari americani attraverso Gladio. Il rapimento e l’omicidio di Aldo Moro? Orchestrato da agenti del Mossad israeliano infiltrati nelle Brigate Rosse. Il terrorista Ilich Ramírez Sánchez, meglio noto con il soprannome di Carlos lo Sciacallo, ribadisce la sua versione dei fatti sui misteri d’Italia degli anni ’70-’80 in occasione dell’intervista rilasciata al saggista Marco Dolcetta e pubblicata sul Fatto Quotidiano. Ma, dalla Maison centrale di Poissy, il carcere speciale francese dove sconta l’ergastolo, Carlos aggiunge qualche particolare interessante al suo racconto in bilico tra realtà e romanzo.

Occorre premettere che il venezuelano Ilich Ramírez Sánchez ha abbracciato sin da giovane il credo comunista-leninista-stalinista, senza mai abbandonarlo. Ha iniziato la carriera di eversore nel Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) e in seguito ha fondato il gruppo terrorista Separat, composto quasi esclusivamente da tedeschi. Un comunista vecchio stile che ha flirtato pericolosamente con i servizi segreti di mezzo mondo, una persona che valuta gli avvenimenti ancora come uno scontro tra Capitale e rivoluzione socialista.

Con queste credenziali Carlos si permette di ritornare sulla vicenda di Thomas Kram, un rivoluzionario tedesco membro del suo gruppo che si trovava a Bologna, vicino alla stazione, proprio il 2 agosto 1980, giorno dell’attentato. La pista Kram è stata battuta più volte anche dagli inquirenti che indagano sulla strage di Bologna, ma lo Sciacallo conferma che Kram, appena giunto nel capoluogo felsineo, “è stato seguito da un sacco di gente con dei cappotti lunghi”. La prova, secondo Carlos, che “c’è gente che ha interesse a non far passare la verità” e che voleva coinvolgere il giovane tedesco nella strage (magari facendolo “casualmente” morire nell’esplosione) perché “era la copertura ideale per l’attentato”. La nonna di Kram, spiega Carlos, era un’ebrea a capo della Resistenza comunista di Berlino che si occupava proprio di sabotare i treni.

Dunque, il botto di Bologna non l’hanno organizzato né il Mossad né la Cia, ma gli 007 militari americani tramite la struttura segreta Gladio (Stay Behind). E poi, aggiunge lo Sciacallo, “non credo che quei giovani fascisti del cavolo (Fioravanti e Mambro condannati all’ergastolo ndr) siano dietro quest’attentato, non si danno a dei coglioni quelle quantità di esplosivi militari”.

Anche sul caso Moro il compagno Carlos dimostra di essere preparato. Secondo lui non ci sono dubbi che le BR romane fossero infiltrate dal Mossad. E la dimostrazione sarebbe la geometrica potenza con cui i terroristi hanno annientato la scorta del presidente DC. Per Carlos sui morti di via Fani c’è la firma dei servizi israeliani perché non era nell’interesse delle BR “giustiziare” quei poliziotti. Quella strage è stata solo una “provocazione”. Sulla morte di Moro cala anche l’ombra della collaborazione degli “spioni” italiani. Carlos accusa il generale Giuseppe Santovito (membro della P2 e capo del Sismi durante i 55 giorni) di essere un “generale fascista” che insieme ad altri ha tramato per impedire uno scambio tra Moro, detenuto nella prigione del popolo, e alcuni compagni brigatisti che potevano facilmente essere trasferiti a Beirut.

Una “operazione da professionisti”, insomma, che ha permesso agli americani di sbarazzarsi di Moro e dei “patrioti che controllavano il segreto militare”. Ma non solo, perché Carlos accusa Valerio Morucci e Adriana Faranda, membri della colonna romana delle BR, di essersi “riempiti le tasche” con il doppiogioco per i Servizi, e ne ha anche per il PCI dell’epoca che “si è messo d’accordo con Cossiga per abbandonare Moro. E la P2 è arrivata al potere”. E lì sembra rimasta.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: