Il “Grande Bugiardo”: la doppia morale di Matteo Renzi

Renzi bugiardoSe fosse Putin, Matteo Renzi verrebbe descritto da Angela Merkel come una persona che “ha perso il contatto con la realtà”. In pochi mesi il nuovo premier italiano ha, infatti, inanellato una serie impressionante di comportamenti contraddittori. Da una parte c’è il Renzi che parla, cinguetta su twitter e promette di cambiare l’Italia. Dall’altra, spunta puntualmente il Renzi che fa tutto il contrario di quello che dice. Quasi uno sdoppiamento della personalità, un Renzi affetto da bipolarismo.

Il caso che fa ancora rumore è quello delle dimissioni dalla poltrona di sottosegretario alle Infrastrutture chieste al senatore alfaniano Antonio Gentile poche ore dopo averlo nominato. Renzi era al corrente della vicenda del bavaglio messo al quotidiano L’ora della Calabria, ma si è comunque prestato ai giochi della Vecchia politica. Così come sapeva bene di aver infilato nel governo 4 sottosegretari Pd indagati, quando Gentile, a onor del vero, non lo è. Ma sono cronaca fresca anche le giravolte renziane con Berlusconi e Alfano per chiudere la trattativa sulla legge elettorale.

Come nessuno ha dimenticato le bugie politiche raccontate ad Enrico Letta (il famoso hashtag #enricostaisereno) prima di farlo fuori da Palazzo Chigi. La promessa ripetuta più volte a Letta Nipote era quella di rimanere sindaco di Firenze e segretario del Pd. Ma tutti sanno come è andata a finire. Memorabili, poi, le riflessioni del giovane premier sull’inopportunità di stare al governo con Angelino (valida per Letta ma non per lui). La sparata sul licenziamento di una riforma al mese, infine, rischia di finire impantanata nelle sabbie mobili dei Palazzi romani.

Secondo il colonnello berlusconiano Maurizio Gasparri ci troviamo di fronte a un “grande bugiardo” che ha ordito una “congiura di Palazzo” contro Letta. Anche l’associazione Federproprietà, per bocca del presidente Massimo Anderson, sottolinea che il premier “aveva assicurato che le tasse non sarebbero state aumentate ed invece va a colpire la casa di abitazione”. L’ira dei Proprietari si è accesa dopo che il governo ha dato il permesso ai Comuni di innalzare dello 0,8 per mille la Tasi (la nuova tassa sui servizi comunali), portandola dal 2,5 al 3,3 per mille. Un’altra bugia di Renzi.

Anche il capogruppo alla Camera del M5S, Vincenzo Santangelo, il giorno della (non) fiducia al governo ha espresso un giudizio inequivocabile sul segretario-premier del Pd. “I fatti dimostrano – ha detto Santangelo – che lei è un baro, è un grandissimo bugiardo, è il Vanna Marchi delle istituzioni; dice una cosa e ne fa un’altra”. E i fatti, secondo Santangelo e i grillini, sono il tradimento degli elettori del Pd “con la riabilitazione del pregiudicato, frodatore fiscale” Silvio Berlusconi e la “manovra di palazzo avallata dal presidente della Repubblica” per spodestare Letta. Beppe Grillo cerca di fare un’analisi sul “potere della menzogna” in Italia. Renzi viene definito un “mentitore seriale” che, proprio per questo, è diventato presidente del Consiglio. Secondo Grillo, infatti, “dire ad alcuni ciò che vogliono sentirsi dire in quel momento e ad altri cose del tutto opposte è ‘politica’”. Proprio il caso di Renzi.

Ma a gridare “Renzi bugiardo” è stato anche Giovanni Donzelli, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Toscana, durante una manifestazione organizzata davanti al Quirinale nel giorno del conferimento dell’incarico all’ex sindaco di Firenze. Contro “Renzi il bugiardo” si concentra anche il fuoco amico  del Pd. La bersaniana Chiara Geloni, già autrice del libro Giorni bugiardi che racconta il tradimento subito da Bersani, afferma che Renzi “ha detto un sacco di bugie” nel corso della sua scalata al potere. Infine, c’è addirittura chi, come l’economista indipendente Eugenio Benetazzo, è convinto che sia stato “l’establishment sovranazionale, non necessariamente europeo” a spingere per l’avvicendamento Letta-Renzi per paura di un risultato negativo degli europeisti alle elezioni europee di maggio. Anche nella fantapolitica le bugie di Renzi vengono ritenute più efficaci di quelle di Letta.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: