Rottamazione della burocrazia: Renzi sfida Tar e Consiglio di Stato

Renzi contro la burocraziaLo scontro è tra l’appena insediato governo Renzi e la cosiddetta casta dei burocrati che occupa i gangli vitali dello Stato. Soprattutto magistrati, avvocati e consiglieri membri del TAR e del Consiglio di Stato. Una casta nella casta che, finora, nessuno ha mai provato a spodestare senza subire conseguenze. La posta in gioco sono le poltrone dei capi di dipartimento, capi di gabinetto e capi degli uffici legislativi occupate da questi ultimi.

Da questa posizione privilegiata, ai più alti livelli delle amministrazioni ministeriali, burocrati e boiardi di Stato, che collaborano direttamente con i ministri in carica, sono in grado controllare il processo di formazione delle leggi attraverso i famigerati decreti attuativi (senza i quali qualsiasi norma varata da parlamento o governo diventa carta straccia).

Questa situazione vecchia come la Repubblica italiana non sta bene al premier rottamatore, che ha messo ai primi posti del suo programma la lotta alla burocrazia. Anzi, come lui stesso ha postato su twitter domenica scorsa, quella contro la burocrazia è la “Madre di tutte le battaglie”. Insomma, Renzi conta di sburocratizzare la burocrazia sostituendo i burocrati inaffidabili con uomini e donne di sua fiducia. Un gioco di parole che rende chiare le reali intenzioni di Renzi: da un lato, la sincera opposizione ad una burocrazia di stampo austro-ungarico; dall’altro, la tutela del gruppo di potere ancora occulto che qualcuno sospetta si possa celare dietro al fenomeno Renzi.

La lista dei probabili rottamati tra membri di Tar e Consiglio di Stato prestati, per così dire, agli affari dello Stato, l’ha fornita il quotidiano Repubblica in un articolo firmato da Valentina Conte. La prima testa saltata è quella di Roberto Garofoli, sostituito nel ruolo di segretario generale di Palazzo Chigi da Mauro Bonetti. È stato direttamente il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Del Rio, braccio destro di Renzi, a nominare Bonetti, considerato un fedelissimo. Garofoli, invece, è legato a Filippo Patroni Griffi (di cui è stato capo di gabinetto al ministero della Funzione Pubblica) che ha dovuto passare la poltrona di numero 2 di Palazzo Chigi proprio a Del Rio. I due, Patroni Griffi e Garofoli, neanche a dirlo, sono entrambi consiglieri di Stato.

Nella lista dei burocrati da rottamare spicca il nome di Antonio Catricalà. Il ruolo di viceministro allo Sviluppo economico ricoperto dal boiardo di area berlusconiana risulta tra i più ambiti. Tra i consiglieri di Stato, i nomi suggeriti dal quotidiano di Ezio Mauro sono quelli di Rosanna De Nictolis (Ambiente), Marco Lipari (Beni Culturali), Goffredo Zaccardi (Sviluppo Economico), Carlo Deodato (capo ufficio legislativo della presidenza del Cons.), Alfredo Storto (capo uff. leg. Funzione Pubblica) e Francesco Tomasone. Quest’ultimo, capo di gabinetto del ministero del Lavoro già nel 1993 ai tempi di Gino Giugni. Prossimi alla rottamazione anche il magistrato TAR Mario Alberto Di Nezza (capo gabinetto Sanità) e l’avvocato dello Stato Giacomo Aiello (capo gabinetto Infrastrutture).

Renzi pensa addirittura ad un decreto legge per liberarsi dei burocrati ritenuti scomodi. Si vedrà nelle prossime ore. Intanto, è già stata calendarizzata per il mese di aprile la riforma della Pubblica Amministrazione che prevedrà incarico a tempo e mobilità per i dirigenti. Almeno a parole, con l’avvento del renzismo sembra giunta la fine dei privilegi per una minoranza di raccomandati. Ma a rimettere un freno ai facili ottimismi ci pensano lavoce.info che riporta la tabella completa delle retribuzioni nella PA italiana e il sito affaritaliani.it che pubblica i nomi e gli stipendi di alcuni “paperoni” dirigenti della PA:

Gaetano Silvestri, Presidente Corte Costituzionale, 545.286 euro; Ugo Zampetti, Segretario generale Camera, 478.149 euro; i 13 giudici costituzionali 454.405 euro cadauno, Guido Letta (nipote di Gianni e quindi cugino dell’ex Premier Enrico) in quanto vice segretario generale della Camera 358.642 euro”.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: