Ricatto indiano: la vita dei marò in cambio del silenzio sulle tangenti Finmeccanica

Sonia Gandhi FinmeccanicaLa vita dei marò in cambio del silenzio sulle mazzette intascate dal partito di Sonia Gandhi. C’è un filo invisibile che lega l’inchiesta sulle presunte tangenti Finmeccanica pagate ai politici di Delhi e la minaccia di pena di morte che incombe sui due marò prigionieri in India. È questa l’ipotesi investigativa avanzata dal giornalista Marco Lillo nell’inchiesta pubblicata dal Fatto Quotidiano il 31 gennaio. Lillo è entrato in possesso di una lettera sequestrata insieme ad altri documenti al consulente italo-svizzero Guido Ralph Haschke nella sua villa di Lugano.

Haschke è imputato per corruzione insieme a Giuseppe Orsi, ex presidente Finmeccanica, proprio per i 30 milioni di euro in tangenti che l’azienda italiana avrebbe pagato a pezzi grossi del governo e dell’esercito indiano per favorire la controllata Agusta Westland nella vendita poi bloccata degli elicotteri AW101. Era l’aprile del 2012 quando i carabinieri del NOE del capitano Ultimo, Sergio De Caprio, accompagnati dalle autorità svizzere, fecero irruzione nell’abitazione di Haschke e sequestrarono il prezioso documento, finito adesso nelle mani del pm di Busto Arsizio, Eugenio Fusco. Nell’udienza del 9 gennaio scorso, durante l’interrogatorio di Haschke, Fusco ha collegato la lettera contenente la lista delle personalità su cui Finmeccanica voleva far pressione ad un manoscritto dello stesso Haschke (scritto a suo dire sotto dettatura del faccendiere indagato Christian Mitchell) in cui compaiono le sigle delle istituzioni che avrebbero intascato le mazzette: 6 mln ad AF (Air Force), 8,4 mln a BUR (burocrati), 6 mln a POL (politici).

Tra questi ultimi  risulta un pagamento di 3 mln ad AP che il magistrato lombardo ha creduto potersi riferire ad Ahmed Patel, segretario politico di Sonia Gandhi, il cui nome è presente anche nella lettera sequestrata ad Haschke. Il consulente Finmeccanica non ha smentito la ricostruzione di Fusco, ma ha negato di conoscere Patel, ritratto in una foto con la Gandhi. “Conosco solo Sonia Gandhi”, ha risposto ingenuamente Haschke. Ma è proprio qui che prende forma il possibile collegamento tra l’inchiesta sulle tangenti Agusta Westland e la minaccia di pena di morte sventolata sulla testa dei marò.

Importante seguire fedelmente la consecutio temporum degli avvenimenti. L’udienza di Busto Arsizio si è tenuta il 9 gennaio, presenti alcuni rappresentanti del governo di Delhi. Il 10 gennaio i quotidiani indiani, tra cui l’Indian Express, riportano dettagliatamente i passaggi dell’interrogatorio in cui Fusco chiede lumi ad Haschke sui 3 milioni versati al misterioso AP, che per il magistrato non è altri che Ahmed Patel. L’attenzione dei media del subcontinente cade anche sulla lettera scritta da Mitchell a Peter Hulett (responsabile vendite Agusta Westland in India) che cita alcuni politici da “attenzionare”: Manmonah Singh (premier), Ahmed Patel, Pranab Mukherjee (presidente dal 2012), M. Veerappa Moily (ministro dell’Energia), Oscar Fernandes (ministro dei Trasporti), M.K. Narayanan (governatore del Bengala) e Vinay Singh (responsabile delle Ferrovie).

“La signora Gandhi e i suoi più stretti collaboratori – aggiunge Mitchell – sono persone alle quali l’Alto Commissario (britannico, come per metà AW) dovrebbe mirare”. Uno scandalo pronto ad esplodere, insomma, proprio alla vigilia delle elezioni politiche di primavera nelle quali il partito del Congresso dell’italiana Gandhi, attualmente al potere, parte sfavorito. Ecco perché, sempre il 10 di gennaio, la stampa indiana batte la notizia che il governo deve ancora decidere se applicare il SUA Act, con eventuale pena di morte, nei confronti di Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, divenuti due pedine ostaggio della diplomazia italo-indiana. I gandhiani devono per forza fare il muso duro e non mostrarsi filo-italiani per non perdere ulteriori consensi elettorali. In più lanciano un messaggio alle autorità italiane: “O insabbiate la vicenda delle tangenti Finmeccanica pagate ai nostri politici, oppure i marò rischiano la pelle”.

Intanto cresce l’attesa per il pronunciamento della Corte Suprema, previsto per il 3 febbraio. Ma i segnali che arrivano non sono buoni. Il ministro della Difesa indiano, A. K. Antony, ha deciso infatti di vietare al gruppo Finmeccanica la partecipazione alla manifestazione Defexpo 2014, dedicata alla presentazione di armi, equipaggiamento militare e sistemi di sicurezza, in programma a Delhi a partire dal 6 febbraio.

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: