Affitti d’oro e slot machines: governo e lobby sconfitti da Renzi e M5S

lobby slot machinesLa pratica dell’assalto alla diligenza delle leggi finanziarie di fine anno, diffusa tra lobbisti e faccendieri di ogni tipo, non è certo stata debellata. Ma lo stop imposto dall’azione del M5S (seguito poi da Renzi e dalla Lega) a due emendamenti vergognosi come quelli sul taglio dei fondi ai Comuni che ostacolano la diffusione delle slot machines e sugli affitti d’oro pagati dalla pubblica amministrazione, dimostra che la malapolitica si può sconfiggere. Il primo provvedimento erano stato infilato proditoriamente nel cosiddetto dl Salva Roma, approvato il 23 dicembre dalla Camera con l’ennesimo voto di fiducia e in attesa di passare l’esame del Senato il 27. Il secondo, invece, è passato insieme alla legge di Stabilità con il voto di fiducia di Palazzo Madama sempre il 23.

Pensato per cercare di togliere le castagne dal fuoco al disastrato bilancio di Roma Capitale (864 mln di debiti), il Salva Roma è diventato un immenso catino in cui sciacquare i panni sporchi del clientelismo italico con il detersivo dei fondi a pioggia, distribuiti a clientes e amici in tutto lo Stivale. 20 mln per il trasporto pubblico calabrese; 23 per quello valdostano; mezzo milione per Pietrelcina, patria di Padre Pio; fondi per scuole umbre, restauri, sagre di paese, teatri. Persino una sanatoria per i chioschi sulle spiagge ed altre amenità elencate da Sergio Rizzo sul Corriere della Sera.

Nella notte tra il 21 e il 22 dicembre, l’emendamento presentato dalla senatrice Federica Chiavaroli di Ncd (votato da tutto il Pd), che prevedeva di punire i Comuni virtuosi che decidono di aumentare la tassazione sulle slot machines, è magicamente scomparso dal testo del Salva Roma. “Un errore della maggioranza”, lo ha definito il premier Letta per rimediare allo scandalo di uno Stato che avrebbe tagliato i fondi agli enti locali che cercano di opporsi alla gestione “mafiosa” delle slot e alla diffusione della ludopatia. Ma il grottesco dietro-front del governo è arrivato solo dopo che il M5S aveva diffuso un video registrato all’interno di Montecitorio che smaschera l’attività di lobby praticata da tale Luigi Tivelli, un uomo che le cronache descrivono come lobbista di lungo corso. A quel punto è stata inevitabile la levata di scudi di Matteo Renzi che ha parlato di una “porcata”.

 

Ancora più complesso, se vogliamo, il giallo della “manina” che ha nascosto nella legge di Stabilità l’emendamento Salva affitti d’oro, che rende in pratica nullo il testo contenuto proprio nel Salva Roma. La norma proposta dal senatore grillino Riccardo Fraccaro permette agli enti pubblici di recedere dagli affitti onerosi con un solo mese di preavviso. È il caso anche dei Palazzi Marini dove ha sede Montecitorio, 444 milioni di euro in 18 anni intascati dalla Milano 90 srl di Sergio Scarpellini. Lodevole iniziativa a 5Stelle accolta persino dal governo, sempre incalzato dal segretario del Pd che, intervistato da Fabio Fazio, ha definito “giusta” la norma contro gli affitti d’oro.

Ma Renzi, pur avendo conquistato il partito, non ha ancora il controllo sui gruppi parlamentari bersanian-dalemiani e, soprattutto, sui potenti lobbisti che si aggirano per i corridoi del parlamento. È così che nella legge di Stabilità è finito un trafiletto che esclude dal diritto di recesso non solo i palazzi dei ricchi fondi immobiliari, ma anche quelli di cui sono proprietari gli stessi investitori dei fondi. Trappola quasi rivendicata dai parlamentari di Scelta Civica e che ha scatenato la reazione di grillini e leghisti, pronti a ricorrere ad un malaugurato ostruzionismo natalizio. Tensione alle stelle che ha costretto il ministro dei Rapporti col parlamento, Dario Franceschini, a promettere la cancellazione della norma affitti d’oro nel decreto Milleproroghe che il Cdm varerà il 27 dicembre. Un pasticcio che apre uno squarcio sul mistero degli sponsor occulti del governo Letta-Alfano.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: