Caso Shalabayeva: Bonino rischia la crisi diplomatica col Kazakistan

Critica ufficiale del comportamento tenuto dall’ambasciatore kazako e scarico delle eventuali responsabilità delle autorità italiane sugli uomini del ministro dell’Interno Angelino Alfano. È questa, in sintesi, la linea politica sostenuta dal ministro degli Esteri, Emma Bonino, di fronte alle commissioni Esteri di Camera e Senato, per fornire chiarimenti in merito al caso della extraordinary rendition verso il Kazakistan di Alma e Alua Shalabayeva. L’animo Radicale della Bonino sembra dunque essere passato alla riscossa dopo lunghe settimane di accuse, giustificate peraltro da una serie incredibile di errori di comunicazione compiuti dalla Farnesina.

Secondo il ministro degli Esteri, il caso Kazakistan non può di certo considerarsi chiuso. La rabbia della Bonino è rivolta soprattutto verso Adrian Yelemessov, l’ambasciatore di Astana a Roma, ritenuto autore di una condotta a dir poco fuori dagli schemi diplomatici, quasi di matrice gangsteristica. “Astana ci ha fatto sapere di volere buoni rapporti con l’Italia.ha detto il ministroritengo evidente che, dopo questo episodio, la qualità dei rapporti dipenderà dalla disponibilità dei responsabili di Astana a fornire una imprescindibile collaborazione  e pieni diritti e libertà di movimento ad Alma”. Poi, la stoccata al diplomatico: “L’intrusivo atteggiamento dell’ambasciatore kazako è stato reso noto solo con il rapporto Pansa. Valuteremo tempestivamente le misure più opportune da adottare nei confronti dell’ambasciatore Yelemessov”.

 

Una dichiarazione di guerra vera e propria verso il paese musulmano guidato col pugno di ferro da Nursultan Nazarbayev che, infatti, ha subito reagito minacciando ritorsioni in caso di provvedimenti anti-kazaki da parte del governo di Roma. “Aspettiamo la decisione ufficiale che verrà presa dall’Italia e quando sarà presa reagiremo”, ha dichiarato  il vicepremier kazako Yerbol Orynbayev a margine del Consiglio di cooperazione Ue-Kazakistan di Bruxelles. “Se l’Italia è pronta a dare garanzie che Shalabayeva tornerà in Kazakistan in caso venga chiamata a testimoniare in un processo, il governo kazako non ha nessun problema a lasciarla ripartire”, ha continuato morbidamente Orynbayev, salvo poi irrigidirsi per aggiungere che “in Italia rischia quattro anni di prigione per il suo passaporto falso: quindi il suo rientro è in dubbio”. Diabolica trappola alla kazaka.

Messo da parte per un attimo il giallo del falso/vero passaporto della Repubblica Centrafricana mostrato dalla signora Shalabayeva-Ayan, c’è da dire che Emma Bonino, da vecchia volpe della politica internazionale, non si è limitata solo a bastonare gli irascibili kazaki, ma li ha blanditi con parole più distensive, ben consapevole che una sola mossa sbagliata potrebbe compromettere “la nostra struttura diplomatica ad Astana”. Per sedare i bollenti spiriti dei cugini ex sovietici di Putin, la Bonino ha ribadito la volontà di seguire la strada umanitaria e della diplomazia: “La priorità è la tutela delle due cittadine è quanto che ci sta più a cuore. Stiamo svolgendo e continueremo a fare con forte determinazione interventi, a Astana, Bruxelles, Vilnius, per la piena libertà di movimento di Alma e la figlia: lo sento come obbligo morale, prima che politico”.

Ma a turbare il buon esito dei colloqui multilaterali è piombato il suddetto giallo del passaporto centrafricano. Intervistato dal Fatto Quotidiano, è il ministro della Giustizia del paese africano in persona, Arsène Sende, a confermare la piena validità del documento: “Il passaporto che abbiamo rilasciato alla signora Ayan è regolare. Il 30 maggio la nostra ambasciata a Ginevra aveva avvertito con una lettera la polizia italiana”. Fatto ribadito con un’altra missiva spedita il 21 giugno proprio al Viminale di Alfano (in quel momento forse assente). Ma una spy story internazionale non sarebbe tale se non ci si mettesse di mezzo la solita Interpol (quella dell’ispettore Zenigata) a dare del bugiardo al ministro che aveva appena confermato la regolarità del passaporto. Grottesco come i politici italiani.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: