Delitto Moro: Cossiga informato 2 ore prima della telefonata di Morucci

“Cossiga sapeva già della morte di Moro e di via Caetani almeno 2 ore prima che Morucci chiamasse Franco Tritto”. La rivelazione che riapre il caso mai chiuso del delitto Moro arriva a 35 anni di distanza per bocca di Vitantonio Raso, artificiere che per primo aprì la Renault 4 rossa. Chi però non ha stampata nella mente la voce di Valerio Morucci, membro delle Brigate Rosse, che il 9 maggio 1978 verso le 12 e 13 telefona al professor Franco Tritto, amico intimo della famiglia Moro, per dargli la terribile notizia dell’avvenuta esecuzione del presidente della Dc e indicargli il luogo dove ritrovare il corpo, via Caetani, all’interno di una Renault 4 di colore rosso? Eccone l’incipit:

– Pronto?

– E’ il professor Franco Tritto?

– Chi parla?

– Il dottor Niccolai.

– Chi Niccolai?

– E’ lei il professor Franco Tritto?

– Sì…

Morucci, alias il compagno Matteo, è poi costretto a cambiare tono di fronte alla sorpresa di Tritto:

– Ma chi parla? -continua a chiedere Tritto- Sì, ma io voglio sapere chi parla…

Morucci respira nervosamente nella cornetta: –Brigate Rosse. Va bene? Ha capito?

– Sì.

 

La drammatica telefonata prosegue poi con le indicazioni del brigatista: “Allora, lei deve comunicare alla famiglia che troveranno il corpo dell’onorevole Aldo Moro in via Caetani…”.

Fino a questo momento, o meglio, fino a pochi giorni fa, la verità storica provata da immagini e registrazioni era che il povero professor Tritto fosse stata la prima persona, esterna all’organizzazione del Partito Armato, a ricevere la notizia dell’omicidio e conoscere il luogo dove poter recuperare le spoglie dello statista democristiano. Ebbene, anche queste certezze (per gli ingenui che ne avevano) vanno adesso invece a bollire nell’opaco calderone dei Misteri Italiani.

L’antisabotatore Raso, recentemente autore di un libro (La bomba umana), è miracolosamente guarito da una malattia quasi incurabile, l’amnesia istituzionale (stesso morbo da cui si sono “salvati” Martelli, Violante ed altri pezzi grossi riguardo alla “trattativa Stato-mafia” all’indomani delle dichiarazioni di Massimo Ciancimino), ed ha ritrovato la memoria per trasformarsi finalmente in una bomba umana. Le parole di Raso riportate dall’Ansa e dal sito vuotoaperdere.org sono agghiaccianti: “La telefonata delle Br delle 12.13 fu assolutamente inutile. Moro era in via Caetani da almeno due ore quando questa arrivò. Chi doveva sapere, sapeva. Ne parlo oggi per la prima volta, dopo averne accennato nel libro, perché spero sempre che le mie parole possano servire a fare un po’ di luce su una vicenda che per me rappresenta ancora un forte choc. Con la quale ancora non so convivere”.

La scusa della patimenti spirituali (“un forte choc…non so convivere”) non regge proprio alla prova della ragione umana. Raso l’eroe, così almeno si pensava, diventa protagonista di un deja vu, “Non sono mai stato interrogato”, che ha rappresentato un classico della storia d’Italia. Quello che invece desta una morbosa attenzione, vista la caratura del personaggio, sono la accuse dirette al Picconatore, il defunto Francesco Cossiga: “Quando dissi a Cossiga, tremando, che in quella macchina c’era il cadavere di Aldo Moro, Cossiga e i suoi non mi apparvero né depressi, né sorpresi come se sapessero o fossero già a conoscenza di tutto”.

Dichiarazione da terremoto, supportata anche dal collega Giovanni Circhetta, che va a cozzare con quanto dichiarato all’Huffington post dall’81enne generale Antonio Cornacchia, nel 1978 comandante del Nucleo investigativo dei carabinieri: “Me lo ricordo perfettamente quel 9 maggio del 1978. Quando mi dissero di andare in via Caetani erano le 13,20. Quando arrivammo, non c’era nessuno. La Renault era chiusa”. Cossiga ovviamente non può più difendersi, così come Andreotti non potrebbe più aiutarlo con l’archivio dei suoi ricordi, ma si ha la netta impressione che la morte dei Big della Prima Repubblica abbia riaperto dei sepolcri che sembravano saldati per sempre.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: