Roma verso il ballottaggio: Renzi alla Garbatella con Marino

Il conto alla rovescia che porterà al tanto atteso ballottaggio per eleggere il nuovo sindaco di Roma fa segnare -8 giorni all’apertura delle urne. La sfida è tra il sindaco uscente Gianni Alemanno del Pdl e Ignazio Marino del Pd, uscito vincitore dalle Primarie e poi confermatosi come favorito al primo turno con più del 42% dei consensi. A guardare i numeri Marino potrebbe già indossare la fascia tricolore, ma Alemanno dal basso del suo 30% (il 15 se si considera che metà dei romani non ha votato) ha già dichiarato di volere vendere cara la pelle.

Oggi intanto è il giorno dell’incontro tra Marino e Matteo Renzi, sceso appositamente nella Capitale per dare appoggio al medico libertario (oltre che per presentare il suo nuovo libro). L’endorsement renziano è stato previsto nella storica cornice del quartiere Garbatella, al teatro Ambra, ed è servito a Marino per farsi pubblicità accostando la sua figura a quella di un Renzi lanciatissimo verso la conquista del partito e di Palazzo Chigi. Impossibile al momento fornire sondaggi, vietati per legge nei giorni che precedono il voto, si può comunque cercare di fare il punto della situazione. L’ago della bilancia di questo ballottaggio sarà sicuramente Alfio Marchini, il costruttore “rosso” che col suo “core de Roma” è riuscito a strappare un bottino di quasi il 10% dei consensi e con questo si è seduto al tavolo della trattativa.

“Ci vuole discontinuità” aveva dichiarato nei giorni scorsi l’affascinante giocatore di polo, citando proprio la stessa frase pronunciata da un altro costruttore, Francesco Gaetano Caltagirone, nel 2008, anno della storica vittoria del “fascista” Alemanno sull’algido Rutelli. Proprio un brutto colpo per Alemanno che in quella “discontinuità”, però, non legge, unico in tutta Roma, un riferimento diretto alla sua persona. Sul tavolo della trattativa Marchini ha deciso di mettere il suo programma in 12 punti che vanno “da un grande piano di manutenzione ordinaria e straordinaria, alla richiesta al governo di congelare per due anni i 200 milioni di euro che il Campidoglio rimborsa allo Stato ogni anno”. Ambiente, beni culturali, agricoltura, internet e turismo, queste le altre tematiche care a Marchini che ha deciso di farsi pagare i suoi voti a peso d’oro.

 

Marino e Alemanno hanno già fatto sapere che presto daranno una risposta alle proposte di Arfio il quale, per alzare ancora di più il prezzo, ha già smentito la trattiva con il Pd e l’avvenuta spartizione di poltrone. Atteggiamento completamente agli antipodi è quello tenuto da Marcello De Vito, il candidato del M5S che con il suo 12,5% di preferenze ha scatenato gli appetiti dei due sfidanti. “Non è neanche all’ordine del giorno” è stata la risposta data dal giovane avvocato romano ai giornalisti che gli chiedevano chi avrebbe appoggiato il M5S al ballottaggio. Né con il Pdl, né con il PdmenoL, sarà quella dell’astensione la strategia scelta dai grillini. L’impresa sembra comunque disperata per Alemanno che ha ricevuto l’ennesima mazzata con la notizia che anche Berlusconi ha deciso di scaricarlo. Il Cavaliere –che da buon craxiano milanese non ha mai amato il post-fascista barese- non ha proprio digerito il deserto del Sahara che gli si è presentato davanti agli occhi al Colosseo nel giorno della chiusura della campagna elettorale di Alemanno.

Circa 2000 persone che lo hanno convinto della bontà dei sondaggi (disastrosi) commissionati alla fidata Alessandra Ghisleri che danno il piccolo Gianni per spacciato. Si vocifera che Silvio avrebbe addirittura preferito candidare lo stesso Marchini. Di un altro comizio per dare una scossa alla Capitale non se ne parla proprio. Anzi, Berlusconi ritiene Roma già persa. Meglio quindi far precipitare Alemanno, così da impedirgli di presentarsi poi a Palazzo Grazioli per chiedere poltrone e prebende. L’unico cerino di speranza rimasto acceso nelle mani del sindaco uscente è l’appoggio incondizionato offerto dal Vaticano, timoroso delle aperture di Marino su nozze gay, eutanasia e depenalizzazione delle droghe leggere, ma questa volta il soccorso da Oltretevere potrebbe non bastare.

Annunci
Lascia un commento

1 Commento

  1. Grazie per il vostro articolo, mi sembra molto utile, provero’ senz’altro a sperimentare quanto avete indicato… c’e’ solo una cosa di cui vorrei parlare piu’ approfonditamente, ho scritto una mail al vostro indirizzo al riguardo.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: