Oltre la rottamazione: Renzi lancia la sfida a Letta

Matteo Renzi ha lanciato ufficialmente la sua Opa sul Partito Democratico e sulla sua possibile ascesa alla guida del Paese. Lo ha fatto nei giorni scorsi, anche se le dichiarazioni di facciata rilasciate ai media amici vanno tutte nel senso di una riappacificazione all’interno di un partito uscito in pezzi dalle fallimentari elezioni politiche di febbraio. “Non sto mettendo fretta al Governoha detto il sindaco di Firenze–  non è vero che voglio accelerare ma Governo e Parlamento funzionano se fanno le riforme e non se vivacchiano”. È pur vero che “Renzie” (come lo ha soprannominato Grillo in onore alla sua passione per il Fonzie di Happy Days) è stato costretto a rinvigorire la sua vis polemica perché, proprio ieri, è uscita nelle librerie la sua ultima fatica letteraria, Oltre la rottamazione.

Libro che aveva certo bisogno di un po’ di pubblicità per convincere i lettori a sciropparsi ancora le beghe interne del Pd e il sogno ad occhi aperti di Renzi di utilizzare il partito come trampolino di lancio di una carriera politica sfavillante. Che il Pd sia atomizzato in una serie infinita di correnti, bande, clan e batterie è un dato di fatto confermato appena due giorni fa da Roberto Giachetti, parlamentare dato come “renziano”, che ha presentato alla Camera una mozione anti-Porcellum e Pro-Mattarellum a cui il resto del partito, Finocchiaro in testa, si è opposto votando invece la mozione di governo su una più ampia riforma istituzionale in cui la cancellazione del vergognoso Porcellum viene all’ultimo posto.

 

Giachetti, già protagonista di uno sciopero della fame per protestare contro il Porcellum, non se ne è però curato ed è andato avanti per la sua strada, facendo rischiare un nuovo deragliamento al Pd, appena uscito miracolato dalla tornata elettorale amministrativa. Ai giornalisti che in coro gli chiedevano se avrebbe fatto cadere il governo Letta il sempre sorridente Renzi ha risposto freddamente: “Siamo alle barzellette”. Ma nessuno si è persuaso veramente che l’ex rottamatore non sogni ad occhi aperti di fare le scarpe all’amico Enrico Letta e al suo governo di iscritti alla fondazione Vedrò (tra gli altri, Alfano, Lupi, Lorenzin e De Girolamo). Ecco infatti l’attacco sferrato da Renzi: “Non voglio fare polemiche con il governo, ma è dal novembre 2011 che centrodestra e centrosinistra votano insieme. L’Italia tornerà a crescere quando ci sarà il segno più sull’economia ma anche quando il bipolarismo tornerà ad essere una cosa normale e non un indistinta palude”.

Se non è uno sgambetto questo. Che il Pd sia corroso al suo interno, ma che voglia difendere ad ogni costo il bastione del governo dell’inciucio -che si è allungato la vita da solo spostando il dibattito sulle riforme costituzionali– lo dimostra poi l’assalto quotidiano sferrato a Beppe Grillo e al suo M5S. È di ieri, ma prosegue ancora oggi, la polemica da prima pagina dei grandi (si fa per dire) quotidiani sul duro scambio di battute tra Grillo e Rodotà, anche egli rottamato dopo le alterne vicende della sua candidatura al Quirinale da parte dei 5Stelle. Perché accendere i fari su una questione secondaria per il paese come la gestione interna del M5S quando l’Italia sta andando a rotoli anche a causa dell’incapacità del governo Letta? La risposta va da sé: spostare l’attenzione dell’opinione pubblica dai disastri di governo puntando tutti i cannoni sull’unica opposizione presente nel paese, così da seppellirla sotto il peso del pensiero unico. Disinnescare Grillo per poi dedicarsi all’antropofagia del compagno di partito Enrico Letta, questa la strategia anche di Renzi che però, come il resto della casta, rischia di bruciarsi prima di raggiungere il suo scopo.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: