Denis Verdini coinvolto nell’inchiesta Mps

Mentre le procure di mezza Italia, e non solo quella di Siena, continuano le indagini sull’enorme buco di bilancio aperto dai Mussari-boys e dalla Banda del 5% (il numero degli indagati è salito a 14), la nuova dirigenza Mps, con in testa il presidente Alessandro Profumo e l’ad Fabrizio Viola, sta cercando in tutti i modi di distrarre l’attenzione mediatica dall’inchiesta, coadiuvata dai fedeli cani da riporto della stampa amica. Oggi a Bergamo si apre il congresso Assiom-Forex 2013, il forum annuale dei banchieri italiani e il duo Viola-Profumo non si è lasciato sfuggire l’occasione per cambiare discorso e buttare in tribuna la palla delle indagini dei pm senesi e non.

Sono le morbide e accoglienti colonne del Sole24Ore, organo ufficiale di Confindustria, ad ospitare l’intemerata dialettica di Profumo: “Questa è una banca che può stare benissimo in piedi in modo autonomo e indipendente”, ha spiegato il presidente che ha poi scaricato ogni responsabilità sulla gestione precedente. “Penso che arriveranno sanzioni – ha infatti aggiunto – ma quella è una cosa che valuterà la Banca d’Italia. Pagheranno i sanzionati, le persone che hanno fatto queste cose che non vanno fatte”. Profumo dunque, che per gli stessi motivi di Mussari qualche problemino con la giustizia lo ha già avuto, cerca di gettarsi alle spalle uno scandalo che potrebbe affossare i suoi sogni di gloria, coadiuvato in questo intento da Viola, uno che quando parla sembra appena arrivato da Marte, completamente all’oscuro delle magagne contabili della banca dove siede ormai da più di un anno.

 

Ma lasciamo da parte il duo che, se la situazione non fosse tragica, potrebbe risultare quasi comico, per tornare al cuore delle indagini. Oggi a Siena l’ex ad Antonio Vigni ha ripreso a cantare di fronte ai magistrati, dopo le otto ore di interrogatorio già sopportate mercoledì scorso. Da lui i pm Aldo Natalini, Antonino Nastasi e Giuseppe Grosso si aspettano qualcosa di più, dopo le mezze ammissioni (secretate) dell’altro giorno. Ma c’è un nuovo filone dell’inchiesta senese che va ad incrociare un’altra indagine già in corso: quella aperta dalla procura dei cugini di Firenze che da più di un anno indaga sul Credito Cooperativo Fiorentino, la banca di Denis Verdini, uomo di fiducia di Berlusconi, caduta in disgrazia e sospettata di bancarotta fraudolenta.

Ebbene, ieri è stato ascoltato in procura a Siena il senatore toscano Paolo Amato, ex Pdl, ora nel Gruppo Misto. Amato definisce la chiacchierata con gli inquirenti “un ragionamento politico sui rapporti fra Pdl e Mps”. Frase sibillina che ha dovuto coprire con una toppa l’incauta intervista rilasciata dallo stesso senatore all’edizione fiorentina di Repubblica il 7 di febbraio. “Denis Verdini si è comportato da capo del Pdl. Ha fatto il suo, l’avrei fatto anch’io. Se la logica è una logica spartitoria… sono i compromessi necessari alla politica”, aveva spifferato al quotidiano il senatore Amato. Frase infelice, rafforzata dalla definizione del ruolo di Andrea Pisaneschi, primo presidente di Antonveneta dopo l’acquisto da parte di Mps nel 2007.

“Ho detto che non è stato nominato da Verdini, ma che è stato il frutto del ‘groviglio armonioso’ senese. Poi Verdini lo ha gestito”. Intervista choc che ha fatto sobbalzare sulla sedia sia i succitati pm che lo sfortunato Denis Verdini, letteralmente frastornato dalle mazzate che Amato ha continuato a menare: “Intratteneva sicuramente rapporti, ma non solo lui. Ed è chiaro che, se sei interessato al compromesso, il tuo potenziale alternativo diminuisce. Non lanci candidati forti. Non forti al punto di far saltare la chiave di volta del sistema”. Alla luce di queste accuse, i magistrati non hanno potuto fare a meno di convocare Amato e Verdini non ha potuto fare a meno di chiamare un’ambulanza.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: