Resa dei conti nella Casta

In questi tempi di crisi economica e di incertezza per il futuro, l’unico fatto sicuro è che il destino politico di Mario Monti è appeso ad un filo. Il premier sponsorizzato dalle Banche (Goldman Sachs) e dai centri direttivi del capitalismo mondiale (Ue, Bce, massoneria(?), Fmi, Usa), si trova infatti al centro di una bufera politica italiana senza precedenti http://www.dire.it/HOME/alfano_fa.php?c=43163&m=3&l=it . Ritenuto buono per difendere gli interessi della casta, perché spietato nel mettere le mani in tasca agli italiani senza provare alcuna vergogna, Mario Monti è stato però preso in prestito solo temporaneamente dalla politica. Il suo programma deve necessariamente prevedere solo il riassestamento dei conti pubblici attraverso un sistema istituzionalizzato di usura nei confronti dei cittadini. Guai però a superare queste colonne d’Ercole! Non appena si è cominciato a parlare di privatizzazione della Rai e di riforma della Giustizia, l’azionista di riferimento del governo, ovvero il solito Silvio Berlusconi, padrone del Pdl e dei deputati che appoggiano Monti a Montecitorio, ha puntato i piedi e minacciato di mandare a casa il governo dei Tecnici arroganti. La lezione sembra sia subito servita, visto che il concordato vertice di maggioranza Tripartito (Pdl, Pd, Terzo polo) è sparito dall’agenda politica. Una minaccia quasi in stile mafioso, “chi tocca i miei interessi muore!”, che non ha lasciato scelta al pavido Monti. In Italia chi comanda è ancora Berlusconi quindi, evidenza dimostrata anche dall’offensiva giudiziaria scatenatasi contro i “traditori” della Lega http://www.giornalettismo.com/archives/210001/vogliono-sfasciare-la-lega/ . Fino a qui però niente di eccezionalmente innovativo.

A preoccupare, invece, è la crescente inconsistenza del Partito Democratico e di una Sinistra italiana la cui ideologia rischia di scomparire insieme ad un partito che di sinistra non ha conservato neanche il nome. Oggi, 8 marzo 2012, il 200% degli elettori piddini si starà confusamente chiedendo cosa ci faccia il Pd in una maggioranza incuicista con il nemico Berlusconi, la peggiore Destra e i cattivi maestri del mantra neoliberista. Il fatto è che nemmeno i confusi dirigenti del Pd sanno più a che santo votarsi, visto che il partito erede del glorioso Pci non è altro che una accozzaglia di transfughi della Prima repubblica, ex democristiani che tramano per un ritorno della Balena Bianca, affaristi senza scrupoli e truffatori pronti a scannarsi a Palermo a colpi schede fasulle e accuse di brogli alle Primarie  http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/06/primarie-palermo-procura-apre-fascicolo-presunti-brogli-elettorali/195908/ . Logico aspettarsi che l’abbraccio mortale in cui monti e Berlusconi hanno stretto il Partito democratico si risolverà con una sconfitta, questa volta epocale e definitiva, di una delle due parti in lotta.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: